La pandemia del nuovo coronavirus ha sicuramente cambiato l’intera società e la nostra vita.
Sono stati mesi molto duri, caratterizzati dal lockdown, dalla chiusura di quasi tutti i posti di lavoro, l’impossibilità di vedere amici e parenti e molto altro.
Per fortuna, il Covid-19 ha rallentato notevolmente la sua diffusione e pertanto si sta cercando di attuare una ripresa graduale per tornare alla normalità.

Per fare ciò, è necessario attuare tutte le principali normative di sicurezza, come l’utilizzo di guanti e mascherine, il distanziamento sociale e l’evitare assembramenti.
Per fare ciò, soprattutto all’interno di luoghi e locali chiusi, diventa di grande importanza un riadattamento del design, che quindi cambierà notevolmente nel post coronavirus.

Si avrà un completo cambio di organizzazione dell’arrendo e dei mobili, con modifiche dal punto di vista funzionali e spaziali.
Proviamo a scoprire più nel dettaglio come il Covid-19 ha influenzato ed influenzerà il futuro del design.

Il design post coronavirus nei luoghi pubblici

I locali pubblici sono quelli più a rischio contagio, visto la grande mole di persone che li frequentano.
Proprio per ciò, sin da subito il design interno di questi posti ha subito profonde modifiche.
Gli ambienti ed i luoghi dei locali, infatti, dovranno essere ripensati e riorganizzati, per soddisfare tutte le esigenze del cliente ma allo stesso per preservare la sicurezza di clienti e dipendenti, quindi facendo rispettare distanze di sicurezza ed evitando assembramenti.

Ovviamente, in primis nei locali più affollati potranno essere messi all’ingresso dei veri e propri tornelli, per consentire un flusso d’accesso limitato in base allo spazio a disposizione. Presenti in varie parti, oltre all’ingresso, anche varie postazioni dover poter igienizzare oggetti e mani.

Il design degli arredi cambierà notevolmente. Nei ristoranti, per esempio, già è in atto l’utilizzo di pareti divisorie in plexiglas, oltre al distanziamento netto tra i tavoli. Sebbene questa sia una situazione temporanea, potrebbe influenzare notevolmente il design futuro dei ristoranti, portando a modifiche radicali.

E’ facilmente ipotizzabile, inoltre, i cambiamenti che avverranno nei guardaroba, dove saranno verranno introdotti innovativi sistemi per l’isolamento e la sanificazione degli abiti dei singoli utenti.

Il design post coronavirus nelle abitazioni

Sebbene sia il luogo più sicuro dove si è al riparo da eventuali contagi, anche il design della propria abitazione potrebbe notevolmente essere influenzato da questa inedita situazione. Attualmente non è cambiato nulla nelle case ma si sta pensando ad idee fantasiose, innovative, per modulare lo spazio all’interno in modo innovativo ed in base alle proprie esigenza.

Un vero e proprio cambiamento radicale del concetto di design.

Un esempio di questo cambiamento di design è già avvenuto negli ultimi anni, rendendo la casa sempre più domotica, ovvero interconnessa con Internet.
Tramite un semplice smartphone, o altoparlante, infatti, è possibile controllare l’intera casa, facendo accendere/spegnere le luci, abbassare le tapparelle, accendere televisioni ed elettrodomestici smart ecc.

Si tratta però di un design tecnologico costoso, pertanto non accessibile a tutti.
L’obiettivo degli esperti dell’arredo e del design, seguendo anche l’evoluzione dovuta al coronavirus, è quello di ideare qualcosa di unico, fantasioso ma soprattutto funzionale. Per fare ciò è necessario molto tempo, per portare cambiamenti radicali e ben fatti.
Pertanto, attualmente si ci può limitare a fare modifiche del design della propria abitazione fai da te, liberando spazio e spostando mobili nel modo in cui meglio si preferisce.

L’importanza del design nel post coronavirus

Il coronavirus ha rivoluzionato le nostre vite e la società, e probabilmente dovremo convivere con questa situazione a lungo. Un grande aiuto per questa convivenza può essere fornito dal Design, che sarà un fondamentale strumento di adeguamento della realtà ai bisogni ed alle aspettative delle persone, rispondendo alle sue esigenze in modo efficace e funzionale.

Il design quindi verrà fortemente influenzato dal Covid-19 e da esso trarrà spunti utili per il futuro.