Vi siete mai chiesti come realizzare da sè un supporto di design per il monitor del computer?
Hai mai pensato di voler mettere in ordine una stanza, eliminando o rimuovendo mobili ingombranti?
Ecco una soluzione ideale ed originale per rispondere alle vostre domande.

Arredamento, accessori e stile

In una casa la prima cosa che si può notare è proprio l’arredamento, la sua disposizione, il suo stile, la creatività e la capacità di saper abbinare con gusto ciascun oggetto.
Solitamente un computer occupa uno spazio rilevante.
Le diverse soluzioni per la sistemazione all’interno di una camera da letto o di uno studio, potrebbero non rispondere alle vostre esigenze, ma soprattutto alle vostre preferenze.

Un esempio sono i carrelli porta pc, che potrebbero risultare antiestetici o di impaccio alla vita quotidiana. Un monitor può rivelarsi di difficile collocazione, soprattutto per la cospicua superficie occupata.
Per questa motivazione è bene assumere una scelta innovativa, efficace e, preferibilmente, anche economica.
Bisogna anche considerare che l’utilizzo di materiali non riciclabili potrebbe provocare un impatto negativo sull’ambiente.

Materiali necessari per il fai da te

Come già anticipato, la soluzione migliore, per sistemare e posizionare in maniera efficiente un monitor, è sicuramente quella del fai da te.

Innanzitutto, è la scelta meno dispendiosa. Inoltre, consente una riduzione dello spreco del denaro per oggetti che possono essere facilmente riprodotti anche a casa con materiali eco sostenibili.

La plastica si presenta malleabile e di facile lavorazione, anche senza oggetti più sofisticati, ma è maggiormente soggetta all’usura e alla rottura.
Il ferro è un altro esempio che si presenta duraturo, ma difficilmente duttile e flessibile senza attrezzature professionali.
Il legno, sicuramente, è una delle soluzioni migliori. Questo poiché risulta resistente e consono a supportare anche oggetti pesanti.

Supporto monitor fai da te

Innanzitutto un monitor può avere un peso consistente e, per questa motivazione, il materiale idoneo ad essere utilizzato per realizzare il supporto dovrà essere solido, stabile e resistente.

Possono quindi essere presi in considerazione sia il legno che il ferro. Il primo entrerà sicuramente a far parte del vostro arredamento, senza intaccare il design e lo stile della vostra casa.

Il secondo, invece, nonostante possa essere ugualmente impiegato nella realizzazione della struttura, è sconsigliato poiché antiestetico.
A seguito della scelta del materiale, sarà opportuno provvedere al reperimento degli attrezzi utili al montaggio del supporto del monitor.

Il necessario

Prima di tutto, nel caso un cui lo si voglia progettare con il legno, sarà obbligatorio procurarsi una tavola dello stesso materiale.

Questa componente eventualmente può essere di un mobile o di assi riciclate, in buono stato e che non trovano più un ruolo ed uno spazio all’interno della casa.

Inoltre, bisogna provvedere all’acquisto di una colla adibita e specifica per il legno che verrà utilizzata per incollare la sagoma.

La forma necessaria sarà intagliata attraverso un seghetto, facilmente reperibile. Infine, serviranno una smerigliatrice, anche conosciuta come flessibile da taglio, un trapano, preferibilmente a colonna, un avvitatore o semplicemente delle chiavi, dei bulloni, una barra tonda filettata e delle rondelle. Talvolta, vi sono materiali facoltativi come i tasselli e la vernice per dare un tocco di colore.

Il procedimento

Una volta trovata la perfetta tavola da intagliare, bisogna procedere incollando le diverse sagome sul legno.
Precisiamo che queste ultime possono essere scaricate da internet oppure possono essere create da voi stessi, a seconda delle vostre preferenze.
Successivamente, attraverso l’utilizzo di un seghetto, le forme dovranno essere ritagliate e, nel caso di parti taglienti, affilate o pericolose, levigate.
Ciò è importante, poiché, essendo collocato o posizionato in casa, deve garantire protezione e sicurezza.

Nelle sagome in legno sarà poi necessario creare dei fori alle estremità, attraverso un trapano a colonna, permettendo l’assemblaggio di tutte le componenti.
Una volta intagliate completamente e raggiunta la forma desiderata, sarà indispensabile inserire l’asta filettata all’interno delle fessure create.
L’eccedenza di quest’ultima dovrà essere tagliata con una smerigliatrice flessibile.

Ricordiamo di prestare la massima attenzione durante l’utilizzo di quest’attrezzatura e di allontanarsi dai materiali altamente infiammabili.

In seguito, occorrerà avvitare i bulloni attraverso chiavi, senza dimenticarsi delle rondelle, oggetti necessari alla tenuta ed al bloccaggio della rotazione dell’asta.
Dovrete creare un pannello con le dimensioni della parte in cui è avvitato il piedistallo. Anche qui bisognerà incidere dei fori che sorreggeranno, con l’uso di viti, il vostro monitor.

Rimuovete questa parte dal monitor e applicate il pannello, da voi creato, con l’ausilio delle viti.

Collegare il manico creato, attraverso le sagome, al monitor, verificando la tenuta dei bulloni per evitare incidenti.

Infine, posizionarlo su un’ulteriore tavola che può essere anche pitturata. Una variante può prevedere che il supporto venga appeso al muro, mediante l’applicazione di tasselli adibiti a quel compito.