Quando si ha in mente di progettare la propria casa, ciò che gioca un ruolo fondamentale è la luce. Al contrario di quanto si possa pensare, essa risulta indispensabile per lo spazio e la creazione di un interior. Spesso si mostra maggiore attenzione ai mobili, ai vari complementi d’arredo, non pensando ingenuamente che la combinazione di luci ed ombre, l’effetto chiaro e scuro disegna forme e volumi, enfatizzando l’ambiente circostante e svolgendo un ruolo significativo nel realizzare quell’atmosfera desiderata.

Ciò che può fare la luce è qualcosa di sensazionale ma è importante saper individuare la fonte di illuminazione giusta, prendendo in considerazione tutti gli aspetti della casa che ne possono influenzarne la selezione.

Come scegliere l’illuminazione giusta

Scegliere la fonte di luce ideale per la propria casa non è una questione semplice e, se non si è profondi conoscitori dell’argomento, è vivamente consigliabile affidarsi a degli esperti, in quanto gli aspetti su cui porre attenzione sono tanti, come ad esempio lo spazio relativo di un ambiente, la posizione della casa, l’eventuale presenza di finestre, la sistemazione dei mobili e pareti, l’idea che si ha in mente e molto altro ancora.

Si può ben intendere che è preferibile rivolgersi ad un team specializzato che coinvolge l’architetto ed il designer, che sapranno realizzare il progetto in base alle proprie esigenze e idee. 

In ogni caso, per poter scegliere l’illuminazione giusta bisogna partire dal presupposto di non focalizzarsi esclusivamente sul comfort visivoo sull’efficienza di una lampada o del punto luce, ma è necessario domandarsi quale effetto si voglia ottenere, quella zona della casa illuminare in maniera diversa, l’impatto che la luce deve avere da una determinata angolazione. Insomma il punto di partenza consiste proprio nella riflessione dell’idea sull’illuminazione della propria casa.

Consigli sull’illuminazione per ogni stanza

Una perfetta illuminazione riesce a donare una nuova anima agli spazi domestici e le soluzioni offerte sono veramente considerevoli.

In commercio esistono diverse tipologie di luci, con un proprio design e si ha l’imbarazzo della scelta ma, per evitare di confondersi, è utile operare una selezione della casa in base alla composizione delle stanze, anche perchè ogni ambiente rappresenta un luogo a sè.

Risulta doveroso partire dalla cucina, che è considerata una delle stanze principali di una casa, sicuramente perchè si passa la maggior parte del tempo e poi perchè rappresenta un luogo abbastanza funzionale; quindi nella scelta della giusta fonte d’illuminazione bisogna anche pensare all’aspetto funzionale ma senza rinunciare allo stile.

In base allo stile prescelto della propria casa, le migliori soluzioni indicano delle strutture di luci che svolgono il loro ruolo ma allo stesso tempo sono caratterizzate da un design unico. Un esempio potrebbero essere delle fonti di luce moltiplicate aventi lo stesso modello, oppure adottare uno stesso modello ma con diversi colori ed infine è possibile optare anche per un medesimo modello ma con silhoutte diverse.

Un’altra idea potrebbe essere l’adozione di un applique orientabile o di una plafoniera, simboli di stile e carattere. É chiaro che nella cucina le fonti di luci vengono collocate in determinati punti dove si ritengono essenziali.

Pe quanto riguarda la sala da pranzo, le soluzioni mirano all’adozione di fonti luci orientabili nel caso di spazi ristretti, o di formati XL nel caso si abbia a disposizione grandi spazi. Molti preferiscono il genere applique orientabile o una sospensione ben visibile, dalla forte personalità.

Nel salotto è consigliabile moltiplicare le fonti di luci per ricreare un ambiente accogliente. Le soluzioni sono infinite e spaziano tra sospensioni, lampade orientabili, faretti collocati in una certa maniera e quadri luminosi. Quest’ultima sembra essere un’idea geniale, particolarmente apprezzata perchè riesce perfettamente a cambiare la prospettiva di una scenografia luminosa, anche se è necessario che le pareti siano in perfette condizioni per un risultato davvero soddisfacente.

Per la camera da letto, la fonte d’illuminazione ideale prevede una sospensione o una plafoniera come elemento principale, completata magari da punti luci indipendenti per la lettura.

Infine rimangono l’ingresso e il bagno: per il primo è consigliabile scegliere un gioco di spot o piccole plafoniere per ottere una certa atmosfera, mentre per il bagno ciò che veramente è essenziale riguarda la presenza di una struttura impermeabile della fonte di luce.

Cambiare la prospettiva con le luci giuste

Le forme e le caratteristiche delle fonti di luce possono essere scenografiche e cambiare completamente un ambiente. 

L’espressione di una stanza è particolarmente influenzata dai giochi di luce che può generare una determinata fonte. Ciò vale in modo particolare per i lampadari di cristallo

Essi rappresentano un must dell’illuminazione che non passa mai di moda, particolarmente apprezzabile, qualsiasi sia lo stile adottato all’interno di una casa. 

Si tratta di una scelta importante ed azzeccata in ogni caso perchè l’effetto che deriva da un elemento del genere è davvero strepitoso: riesce a cambiare la prospettiva attraverso un gioco di luci e trasparenze imparagonibili rispetto ad altri fonti di luce. La sua bellezza sta proprio in questo: riesce a colpire qualsiasi individuo per quei frammenti di colori visibili attraverso il riflesso della luce, uno spettacolo davvero unico ed affascinante.