Quando si deve arredare la propria casa, si deve far attenzione nello scegliere elementi che, anche se hanno uno stile diverso tra loro non creino confusione, ma che donino un senso di armonia all’abitazione.

La prima cosa da fare è organizzare gli spazi in base alla scelta e alla composizione dei vari complementi d’arrendo presenti in quella stanza, oltre al fatto che bisogna tener conto della posizione delle luci e sulle tende utilizzate.

Ovviamente nella scelta dell’abbellimento delle pareti di casa si può optare per quadri oppure, molto alla moda sono anche lavori fotografici in grado di donare all’ambiente un tocco di classe e di stile.

L’importante è avere un filo conduttore nella scelta dei quadri per la propria casa, facendo attenzione a creare il giusto contrasto tra colori freddi e caldi e nell’effetto pieno e vuoto.

Per donare una nuova vitalità alle pareti spoglie dei vari ambienti, la scelta ideale è sempre collocare dei dipinti con soggetti astratti o figurativi, in modo da donare uno stile ricercato al proprio arredamento.

Adattare un quadro alla parete

Per giungere alla scelta di un quadro che andrà ad abbellire un determinato ambiente, bisogna seguire delle regole base onde evitare errori rilevanti.

Innanzitutto, bisogna collocare i quadri che andranno appesi, sul pavimento, di fronte alla parete che li ospiterà.

Ciò è fondamentale in quanto vi aiuterà ad evitare eventuali danni al muro, dal momento che potrete analizzare bene se quei colori, quelle rappresentazioni, quella cornice dono davvero adatti a valorizzare l’ambiente.

Infatti, ogni quadro ha una forma e dimensione diversa; ecco perché è sempre meglio utilizzare il quadro più grande come punto di riferimento per tutti gli altri, consentendo così nelle composizioni sia verticali che orizzontali, un posizionamento armonioso.

Qualsiasi complemento d’arredo come divano, sedie, camino o mobile, rappresenta uno dei punti centrali per l’ambiente interno dal momento che in base a questi elementi si andranno a disporre i quadri che andranno così a completare la composizione.

Anche la scelta della cornice è di fondamentale importanza per valorizzare un dipinto, dal momento che crea equilibrio tra lo spazio circostante e la raffigurazione pittorica: se su una parete vengono collocati quadri in successione, allora è opportuno che questi abbiano la stessa cornice.

Come collocare un quadro sulla parete

Quando di deve posizionare un quadro, bisogna far attenzione a rispettare i colori e le tonalità dei mobili oltre alle loro proporzioni: un quadro collocato su un mobile o su un camino non deve uscire in larghezza da questi.

Allo stesso modo anche le fasce di parete fra due mobili o gli angoli, sono aree della stanza da valorizzare attraverso la presenza di piccoli quadri o stampe da appendere.

Bisogna suddividere le opere in base ad una logica sia in merito alle differenti correnti artistiche, che al supporto pittorico.

Altra regola fondamentale è di collocare in alto quadri che possono essere ammirati anche a distanza e in basso quelli più ricchi di particolari che vanno osservati da vicino.