La cameretta dei bambini non è soltanto posto dove dormire ma è il luogo dove i piccoli di casa svolgono le loro attività, dal gioco allo studio, dal relax al ricevere gli amichetti. Per questo è importante che la stanzetta sia un ambiente che rispecchi la personalità del piccolo ma che sia arredata anche con un certo stile. Il bambino vive la sua camera come uno spazio personale dove può rifugiarsi per vivere i momenti della sua crescita, sentendosi protetto come in un nido accogliente.

È quindi importante prestare molta attenzione all’arredamento della cameretta e non considerarla come un’appendice da sistemare a strati, con mobili disposti a casaccio e sovrapposti nel corso degli anni, solo perchè se ne ha necessità. Una cameretta accogliente non dovrà soltanto avere la giusta illuminazione ma distinguersi per uno stile accogliente e confortevole.

In questa mini guida vedremo come poter arredare con stile la cameretta dei bambini, partendo dagli elementi essenziali e come progettarla in modo che sia adatta anche per quando sarà più grande.

LO STILE ESSENZIALE NELLA CAMERETTA DEI BAMBINI

Una volta scelti gli elementi essenziali per cameretta del bimbo, dal letto al comodino, all’armadio, occorre individuare i complementi d’arredo adatti ad arredarla con stile, rispettando i suoi gusti e il suo carattere.

Un suggerimento fondamentale affinché la cameretta sia un ambiente adatto il nostro bambino è evitare di riempirla con parecchi mobili e suppellettili, anche se è un ambiente molto grande. Troppa roba tende a soffocare lo spazio, rendendolo poco ospitale.

Sì ai giochi adatti all’età del bambino ma riposti in comodi contenitori di varie misure, meglio di colore neutro se le pareti della camera sono variopinti. Si tratta di una soluzione che tende a dare una linea ordinata e a indirizzare il bambino a sistemare con cura le sue cose, fin dalla prima infanzia.

I COMPLEMENTI D’ARREDO DI STILE NELLA CAMERETTA DEL BAMBINO

Una buona soluzione è disporre per terra dei tappeti, utilissimi quando il bambino è piccolo perché può giocare senza stare a diretto contatto con il pavimento, altrettanto indispensabili durante la fase della crescita, quando i ragazzi amano camminare a piedi scalzi. I tappeti sono complementi d’arredo in grado di evidenziare raffinatezza e una certa classe.

Sia nella camera della bambina che del bambino è d’effetto la presenza di uno specchio di grandi dimensioni che riesce a dare maggiore profondità alla stanza. L’utilità di questo elemento è varia e non consiste soltanto nello specchiarsi indossando un nuovo abbigliamento o per controllare la pettinatura. Durante il percorso scolastico può essere utile nel ripetere ad alta voce la lezione, magari controllando la propria gestualità per acquistare sicurezza. La cornice dello specchio può essere in stile vintage per gli eterni sognatori, minimalista e a giorno per i ragazzi che amano la sobrietà.

Se la camera è abbastanza spaziosa, è bene pensare alla presenza di un divanetto due posti, comodissimo quando il bambino dovrà ospitare i suoi amichetti. In commercio sono disponibili piccoli divani per bimbi, adatti anche fino all’età scolare, belli e di ottima qualità. Avere nella sua camera un angolo che richiama il salotto di casa, rappresenta per il bambino un modo per farlo sentire più grande. Quando sarà cresciuto, la mini taglia del divano può essere sostituita con una adatta per i suoi momenti di relax, da solo o in compagnia.

IL TOCCO DI STILE NELL’ANGOLO DELLO STUDIO

Fin dai primi anni di scuola il bambino ha necessità ad avere uno spazio tutto suo dove concentrarsi per studiare. La scrivania è la protagonista della zona studio, completata da una libreria o mensole per riporre libri e materiale scolastico, nonché di una comoda sedia, adatta a sorreggere le lunghe ore trascorse con i compiti. Affinché il momento dello studio individuale non diventi una sofferenza, è indispensabile che il bambino abbia a sua disposizione, fin dalla scuola primaria, un arredamento comodo e adatto.

Una scrivania capiente, realizzata in legno, rimanda l’idea di un piano per il lavoro non soltanto confortevole, ma anche invitante. Si raccomanda di evitare un continuo riporre oggetti di ogni forma e provenienza, inutili e fuorvianti per lo studio ma prediligere uno stile ordinato, in modo da dare contegno allo studio.

La scelta della sedia è bene sia orientata verso un modello ergonomico, con possibilità di posizionarla in varie altezze. Il taglio classico, con sedile e schienale imbottiti, è quello che risulta avere il massimo apprezzamento nei bambini e nei ragazzi, perché molto comodo.

Per la libreria della cameretta dei bambini ci si può sbizzarrire nella scelta di vari modelli. Si tratta di un complemento d’arredo utile fin dai suoi primi anni di vita, sia per riporre i libri plastificati e cartonati con cui si approccia alle prime conoscenze, sia per per mettere in ordine l’infinità di giochi, peluche, bambole e pupazzi che non trovano posto nei contenitori posizionari a terra. Quando una sola libreria non è sufficiente, invece che prendere un’altra, è meglio optare per una serie di mensole, da agganciare al muro sfalsate: danno un’impronta di movimento nello spazio della cameretta che risulterà piacevole e originale.