Se fino a qualche anno fa si utilizzavano ancora i vecchi radiatori, quelli grandi, in metallo pesante, molti ingombranti e di non facile pulizia, oggi vi sono dei modelli molto più snelli e soprattutto di dimensioni ridotte: si parla cioè di termoarredo.

Questo termine fa capire che l’impianto di riscaldamento assume un ruolo centrale all’interno della propria abitazione, mantenendo non solo la sua funzione, ma trasformandosi in un elemento dall’elevato valore decorativo ed estetico.

Ecco che numerosi sono gli interior designer che si sbizzarriscono con fantasie e modelli estrosi che si possono adattare a qualsiasi tipo di arredo.

Caratteristiche del termoarredo

Il termosifone assume quindi dimensioni, forme e colori differenti. Tra i vantaggi di questi nuovi dispositivi, il più importante riguarda il fatto che si possono installare in qualsiasi punto della casa e quindi non come avveniva una volta solo dietro le porte o nascosti per poterli nascondere alla vista e diminuire l’ingombro.

Invece questa nuova tipologia di termoarredo può essere impiegata in qualsiasi ambiente dal momento che aggiunge un tocco di design e di classe diventando il vero protagonista dall’ambiente. Dal camaleonte domestico vero e proprio oggetto di arte, si passa a forme pittoresche e armoniose: l’utile quindi si unisce all’estetica al fine di avere un risultato d’eccellenza.

Il termoarredo funziona come un radiatore classico, sfruttando cioè l’impianto di tubature che passa all’interno della muratura in cui defluisce acqua.

Ovviamente anche questi nuovi sistemi di riscaldamento necessitano di specifiche valutazioni tecniche che comportano l’assistenza di personale altamente qualificato per quanto riguarda la manutenzione e l’installazione.

È fondamentale rivolgersi a personale qualificato in quanto potranno valutare dove installare questi radiatori e se vi sarà la necessità di accorciare, spostare o allungare le tubature nella parete andando così a definire la potenza termica e le dimensioni idonee per riscaldare l’ambiente.

Tra i principali vantaggi di questi impianti rientrano:

  • ingombro minimo;
  • funzionalità e praticità in un solo prodotto;
  • estetica e design elegante;
  • facile pulizia;
  • costi accessibili e montaggio semplice.

I costi di un sistema di termoarredo

Come abbiamo affermato, l’installazione di questi impianti prevede le stesse modalità di funzionamento dei vecchi radiatori.

Ecco che non è possibile stabilire una cifra universale: se bisogna semplicemente sostituire i radiatori, questa operazione implicherà delle spese inferiori in merito a manodopera e costo dei dispositivi, se invece dovranno essere apportate modifiche al sistema di tubature, allora le tariffe sono maggiori.

Inoltre, in base alla tipologia dell’impianto, il tecnico dovrà valutare di quanto si potrà spostare il dispositivo, oltre a fornire ulteriori consigli sulle varie opzioni che il cliente ha a disposizione.

Basandosi sulle dimensioni dei vari ambienti, si riuscirà inoltre a stabilire meglio la dimensione ottimale del riscaldamento e la fascia di potenza che occorre per riscaldare la stanza, con relativi costi.

In generale un termoarredo ha un costo che vai dai € 100,00 per un modello a scaletta, fino ad arrivare ai € 500,00 per quelli più originali.

Invece, il costo della manodopera dipende dal tipo di intervento e anche dalla città di residenza: per questo motivo bisogna chiedere dei preventivi in base al proprio caso.