Quando arriva il momento di arredare la propria casa, tutti ci chiediamo quale sia la soluzione ottimale per dare personalità agli ambienti, senza esagerare e soprattutto evitando scelte di cui alla lunga potremmo stancarci, perché troppo impegnative.

La nuova tendenza dell’architettura contemporanea viene dalla moda, ed è sempre più in voga tra le scelte dei designer di oggi. Parola d’ordine: mixare!

Come con l’abbigliamento, anche per l’interior design il concetto di combinare texture, stili, e suggestioni diverse può rivelarsi una scelta vincente, ma se realizzato seguendo criteri e indicazioni che permettano di evitare l’effetto “confusione”!

Ma in cosa consiste, esattamente, lo stile mix&match? E come faccio a scegliere gli elementi che insieme si combinano bene?

I colori

In tema di opposti, giocare con i colori è sempre il primo passo da prendere in considerazione. Valutando gli elementi architettonici dell’ambiente in cui vogliamo realizzare lo stile mix&match, Se si tratta ad esempio di un soggiorno, guardiamo prima le finiture del pavimento. Domina il legno, in uno stile country-classico? Potrebbe essere interessante inserire tendenze nordiche, rubandone i colori per creare un contrasto cromatico che ringiovanisce e rinfresca l’ambiente: via libera a tutte le sfumature dell’azzurro pastello, fino ad arrivare a un luminoso bianco.

Seguendo le tendenze del 2018, il colore Pantone in voga è l’ultraviolet: una tinta intensa, misteriosa, da abbinare al grigio neutro – per un’atmosfera raffinata e ricercata – o al rosa in tutte le sue varianti – per chi preferisce un ambiente dal sapore romantico e un po’ vintage. Attenzione però a non mischiare mai troppi colori: il suggerimento è quello di non andare mai oltre i tre, optando magari anche per l’abbinata tra fantasie geometriche da accostare a stampe black&white.

Gli stili: cosa abbinare ? 

Parlando di stile, se dobbiamo dare una nuova veste a un ambiente un po’ vecchiotto, dove magari sono già presenti elementi d’arredo d’antan, nulla di meglio che abbinare nuovo e moderno per un contrasto optical che non potrà che colpire i nostri ospiti. A una poltrona anni Cinquanta, si potrà accostare un tappeto dalle linee contemporanee, o una libreria dalle linee pulite ed essenziali, magari arredata con vasi e soprammobili di un tempo. Accanto a un divano classico in tessuto, sarà piacevole inserire un baule dal sapore etnico, con dettagli in pelle che impreziosiscono l’ambiente. Fondere il vintage e il contemporaneo, riportando alla memoria oggetti dimenticati per inserirli come veri e propri elementi decorativi in un contesto moderno è una soluzione che consente di creare un ambiente vissuto, che racconti una storia.

Industrial country 

Tra le tendenze preferite dei designer in questi anni, sicuramente un posto d’eccezione spetta allo stile industrial. Una mania che sembra non passare di moda, forse proprio per la sua capacità di adattarsi anche ai gusti dei più tradizionalisti in fatto di arredamento. Lo stile industrial, con le sue pareti di mattoni a vista, elementi in ferro e legno grezzo, si combina alla perfezione con complementi d’arredo dall’allure classica. Mobili in legno invecchiato e tessuti caldi e morbidi per tende, divani e cuscini, ammorbidiscono l’atmosfera asettica e tendono a scaldare l’ambiente. O ancora, lampade colorate e fantasie esotico-floreali danno un pizzico di eccentricità e divertimento al gusto rigoroso di uno spazio industrial, per accostamenti inediti ma sorprendenti. 

Via libera alla fantasia ! 

Se scegliete di arredare la vostra casa in stile mix&match, non bisogna infine dimenticare la regola aurea: osare! Non esistono infatti regole specifiche per creare lo spazio in cui dovremo vivere. Dare vita alla nostra casa significa riempire l’ambiente in cui potremo rilassarci e trascorrere il nostro tempo libero. Dovrà essere uno spazio fatto su misura per noi: per questo, possiamo imprimere la nostra personalità agli arredi, giocando con le fantasie, alternando elementi lontani ma che proprio nella diversità possono sprigionare tutto il loro fascino evocativo. Chi l’ha detto per esempio, che attorno a un tavolo le sedie debbano essere tutte uguali? La vecchia sedia in paglia che ci parla di osterie e della cucina della nonna, si rivela super trendy se affiancata a una di design, dalle linee iper-moderne che stemperano la serietà dell’arredo.

E allora, per sapere quali elementi accostare e quali no, non ci resta che sperimentare. Scopriremo così il piacere di un’estetica imperfetta, dove il risultato non sarà altro che la storia delle nostre emozioni.